×
 x 

Carrello vuoto
carrelloCarrello vuoto

Catalogo

Spedizioni

Dicori intimo e merceria, spedizioni con sda express courier oppure ritiro in negozio

tracking

Seguici su Facebook

 dicori-facebook

L'azienda

famiglia

Verso il 1863 la famiglia Di Cori apre l'attività di vendita e deposito di cappotti in via Rua, una delle vie sparite del centro di Roma, accanto al Teatro Marcello.

Da li il capostipite Elia con i nove figlioli, sette maschi e due femmine, si trasferisce con l'attività in Santa Maria del Pianto e subito dopo in Via dei Baullari 16, dove apre la sartoria e rivendita di cappotti confezionati.

Elia nel 1925 chiude l'attività di mercante sarto e dopo inizia la vendita all'ingrosso di maglieria davanti all'ombrellaio.

 


 

mercanteContemporaneamente apriva un altro punto vendita, per la sartoria in Via dei Baullari 3.

L'attività, fra tutti i figli, viene continuata da Michele che per mezzo dei due figli maschi, Elia e Dario, fanno il necessario per tirare avanti durante la depressione economica del 1930. 

Alla fine della seconda guerra mondiale, gli sfollati invadono i locali dei negozi e alla fine della guerra, sempre con l'aiuto incondizionato dei fedeli collaboratori, fra cui le mitiche Willelma e Pierina, che si distinsero per l'abnegazione, sfidando più volte il coprifuoco per consegnare i proventi ai  datori di lavoro necessari per la loro sopravvivenza.

Inizialmente lavorano come piazzisti, ma subito dopo, rischiando in proprio, fecero il passo necessario per il cambiamento.

Acquistarono, a credito, un pacco da un chilo di lana marchigiana, così detta perché particolarmente grezza e grossa.

Da quel momento, grazie alla fiducia dei fornitori, primo fra tutti la Filateria di Grignasco, prese l'avvio la nuova attività a base soprattutto di filati di lana.

Passati gli anni '70, le maglieriste, diminuiscono sempre di numero e perciò l'azienda si bilancia fra filati, merceria, maglieria e lingerie, che sono ancora i nostri cavalli di battaglia.

 



 


GRATIS
tessera
8EURO
Di Cori Intimo e Merceria, sistemi di pagamento accettati